-15% EXTRA sulla svendita con EXTRA15
-15% EXTRA sulla svendita con EXTRA15
Carrello 0

Il tuo carrello e' vuoto

Menu
SPEDIZIONE GRATUITA PER ACQUISTI SUPERIORI A 50€

CONSEGNA GRATUITA PER GLI ORDINI SOPRA I 50€

RESO GRATUITO ENTRO 14 GIORNI

Indietro

Dr. Martens

Dr Martens è un marchio di calzature senza tempo, che è stato capace di sopravvivere e adattarsi ai cambiamenti delle tendenze di moda, proponendo collezioni di scarpe con design sempre nuovi. Le calzature Dr. Martens sono vere e proprie icone di stile, comode e facili da abbinare a qualsiasi outfit, grazie agli innumerevoli modelli caratterizzati da colori e dettagli unici.

La storia del brand

La storia delle Dr. Martens inizia nel 1901 quando gli imprenditori Benjamin Griggs e Septimimus Jones iniziano a produrre scarponi per i minatori e per l’esercito britannico. Nel 1943, il medico tedesco, Klaus Maertens, si rompe un piede mentre stava sciando e trova scomodo camminare con scarpe con suole di cuoio. Inizia così a pensare ad un nuovo tipo di scarpa con la suola ammortizzata da un cuscinetto d’aria e crea uno scarponcino marrone a 8 occhielli. Qualche anno dopo, Klaus Maertens incontra Herbert Funck, un suo vecchio compagno di università, e i due decidono di aprire insieme un'attività di produzione di scarpe, utilizzando forniture militari in disuso. Le loro scarpe risultano molto comode e resistenti e riscuotono un grande successo, soprattutto tra la clientela femminile. Nel 1959, Griggs ne acquista il brevetto, optando per il nome Dr. Martens e apportando alcune modifiche al design delle scarpe. Ridisegna la suola, arrotonda il tacco e aggiunge la fettuccia posteriore con il marchio Air Wair, oltre alla cucitura gialla tra suola e tomaia, tratto distintivo di una vera Dr. Martens.

Da scarpa militare a simbolo punk

Nel 1960 nasce il primo modello: il 1460. Classici anfibi colore rosso ciliegia a 8 occhielli, che diventano le scarpe di postini, operai e poliziotti. L'anno successivo, viene lanciato il modello 1461, una scarpa a 3 occhielli, indossata soprattutto dagli impiegati delle poste. Qualche anno dopo, Pete Townshend introduce le Dr. Martens nel mondo del rock 'n' roll e da quel momento iniziano ad essere indossate da musicisti, fan, punk, goth, hippy e skinhead, che se appropriano trasformandole nel simbolo della loro sottocultura. All'inizio degli anni duemila, con il declino della musica rock e delle sue sottoculture, le vendite di Dr. Martens hanno registrato un notevole calo, che ha spinto il marchio a rinnovarsi, anche attraverso collaborazioni con grandi stilisti e brand, come Yohji Yamamoto, Raf Simons e Stussy, Supreme, Off-White e Vetements.

I modelli iconici di Dr. Martens

Il 1460 è il primo modello lanciato da Dr. Martens. È un anfibio unisex in pelle liscia con 8 occhielli, bordi scanalati, fettuccia posteriore e cuciture gialle a contrasto. Negli anni ha subito pochi cambiamenti, ma è stato declinato in numerose versioni caratterizzate da colori e fantasie diverse. La Dr. Martens 1461, scarpa un tempo simbolo della classe operaia, è un modello classico, estremamente confortevole, realizzato in pelle con 3 occhielli. La Jadon Max è la scarpa più eccentrica, con una suola Quad Max di 6 cm, occhielli oversize e dettagli metallici alle estremità dei lacci. Gli stivali 6601 ricordano il modello 1460, ma si distinguono per la suola anti abrasione e la punta in ferro. Sono calzature robuste e calde, perfette per le giornate più fredde. Infine, il tronchetto Dr. Martens 2976 è un modello pratico in pelle smooth con suola AirWair Chelsea che ammortizza la camminata e una banda elastica sulla caviglia, ideale per essere indossato con abiti e gonne tartan.

filtro

662 risultati

  • 1
  • 2
  • 7

Pagina 1 di 7

Prossima
  • 1
  • 2
  • 7

Pagina 1 di 7