Spedizione gratuita per acquisti superiori a 50€ | Con Miinto fai acquisti nelle boutique Italiane locali
Sconto del 10% | Code: MSS10
SPEDIZIONE GRATUITA PER ACQUISTI SUPERIORI A 50€
Carrello
0

Il tuo carrello e' vuoto

CONSEGNA GRATUITA PER GLI ORDINI SOPRA I 50€

RESO GRATUITO ENTRO 14 GIORNI

Indietro

Balmain

Fondata nel 1946, Balmain è una casa di moda francese che nel corso degli anni si è distinta per il suo stile raffinato e ricercato.

La nascita della maison Balmain

Nato nel 1914 nel sud della Francia, Pierre Balmain inizia a studiare architettura presso l'École des Beaux-Arts di Parigi, lavorando allo stesso tempo con il designer Robert Piguet. Nel 1934 abbandona gli studi per lavorare con il designer Edward Molyneux, con cui collabora per cinque anni. Nel 1939 comincia a lavorare per Lucien Lelong, dove incontra Christian Dior e Hubert de Givenchy. Quando scoppia la Seconda Guerra Mondiale viene richiamato alle armi ed è costretto ad interrompere l’attività. Terminata la guerra, fonda la maison Balmain a Parigi nel 1945. Le sue creazioni includono gonne lunghe a campana con girovita stretti e tessuti ricamati in modo eccentrico. I suoi modelli, estremamente femminili e freschi, sono pensati per una donna elegante e un pizzico impertinente. Per Pierre Balmain, l’abito era il risultato di un progetto architettonico in cui si procede alla graduale eliminazione del superfluo. Grazie al suo lusso minimalista con un tocco esotico, la prima collezione riscuote un enorme successo. Le creazioni firmate Balmain spopolano tra i reali europei e le dive di Hollywood, come Grace Kelly, Katharine Hepburn, Brigitte Bardot, Vivien Leigh, Marlene Dietrich, Sophia Loren e la regina Sirikit di Thailandia.

La caduta e la rinascita di Balmain

Pierre Balmain continua a lavorare come direttore creativo della sua casa di moda fino alla sua morte nel 1982, anno in cui viene anche lanciata la prima collezione ready-to-wear. Alla sua morte, il ruolo di direttore creativo viene affidato allo stilista danese Erik Mortensen, che, tuttavia, non riesce a risollevare la maison dalla crisi finanziaria iniziata negli anni '70. Nel 1990 gli succede Hervé Pierre e poi, tra il 1992 e il 2002, Oscar de la Renta, il quale riesce a riportare in auge la casa di moda, imponendone lo stile classico e lussuoso. Nel 2006 Christophe Decarnin riprende le redini del marchio, conferendogli uno stile rock-chic e rendendolo uno dei brand più trendy del momento. Mini abiti, giacche in pelle con dettagli militari e spalline a punta, t-shirt e pantaloni attillati diventano dei veri e propri oggetti cult. Nel 2011, avviene una nuova svolta creativa. Balmain nomina il giovane venticinquenne Olivier Rousteing come suo direttore creativo.

Lo stile Balmain oggi

Olivier Rousteing ha introdotto una nuova interpretazione dello stile Balmain. L'alta moda francese viene riscoperta per proporre un lusso moderno. I suoi abiti sfoggiano linee semplici che contrastano con l'opulenza delle decorazioni fatte di pietre e ricami. La classica eleganza parigina viene combinata con dettagli rock, per dar vita ad una nuova silhouette, che incarna alla perfezione lo stile di vita della “Balmain Army”, la generazione di giovani coetanei di Olivier che vivono e interpretano l’universo Balmain. Lo stilista ha rivoluzionato Balmain facendo conoscere la maison a milioni di persone attraverso i social media, utilizzando in particolare Instagram come nuovo strumento di comunicazione. Ha, inoltre, stretto importanti collaborazioni con star internazionali, come Rihanna, Kim Kardashian, Kendall Jenner, Kanye West e Beyoncé. Stagione dopo stagione, ogni collezione di Olivier Rousteing è un vero e proprio omaggio all'alta moda firmata Balmain ed è inscindibile dalla scena musicale contemporanea.

filtro

2133 risultati

Pagina 1 di 22

Prossima

Pagina 1 di 22